Educazione socio-affettiva

L’educazione socio-affettiva è un’attività progettuale particolarmente apprezzata dal gruppo dei ragazzi diversamente abili e dalle loro famiglie.

L’intento di quest’attività è quello di valorizzare il tempo libero attraverso la promozione di iniziative che arricchiscono il percorso di crescita dei ragazzi, nel pieno rispetto dei loro diritti “umani” di potersi muovere in un contesto di prevalente normalità.

Le iniziative vengono finalizzate allo sviluppo dell’autonomia personale e della vita di gruppo, favorendo l’esercizio del diritto alla cittadinanza anche tramite il protagonismo consapevole, l’educazione al rispetto di sé, degli altri e delle cose.

L'obbiettivo principale è la rivendicazione delle persone con disabilità dell’essere responsabili delle proprie scelte, di avere la possibilità di stabilire relazioni tra pari e poter svolgere un ruolo attivo in un contesto partecipativo proprio come chiunque altro, come ogni altro essere umano.

Vengono quindi favorite e privilegiate metodologie di approccio relazionale attraverso la costituzione di gruppi misti, composti da volontari e da ragazzi diversamente abili, con interventi da parte degli educatori che mirano a stimolare la costruzione di un’autostima positiva e l’assunzione di strategie relazionali responsabili rispetto alle proprie scelte e al gruppo.

La realizzazione di incontri di rielaborazione diretti e coordinati da una psicologa, con la collaborazione di educatori e volontari, permette al ragazzo diversamente abile di confrontare il proprio vissuto e le proprie emozioni con quelle del gruppo, cercando di superare l’egocentrismo e migliorare la capacità di assecondare le esigenze dell’altro.

Vengono, poi, organizzate uscite serali nei normali luoghi di aggregazione giovanile (birrerie, bar, locali pubblici, discoteche, etc.) e le dinamiche di socializzazione che emergeranno nel corso di queste uscite forniscono ulteriori spunti circa le tematiche di riflessione da affrontare durante l’incontro di rielaborazione.

Sempre all'interno di questo progetto si inquadrano iniziative di più vasto impegno che richiedono una programmazione ed una organizzazione attenta e precisa oltre che il coinvolgimento di un elevato numero di volontari ed educatori.

L'annuale vacanza sulle montagne trentine, in Val di Consei, nel mese di agosto, giunta ormai alla sua sesta edizione, è un evento che riscuote l'apprezzamento costante dei ragazzi che vi partecipano e dei loro genitori.

Con la collaborazione o a seguito di invito di enti di promozione sociale e sportiva si sono organizzate crocere sul lago di Garda, trasferte per vedere incontri di calcio della serie nazionale A, addirittura la partecipazione a prove su circuito di vetture Porche.

 

Guarda le immagini relative a questo progetto su ReportAbile Portfolio dell'Associazione A.S.P.R.A.:Educazione Socio Affettiva